Tutto è nato per gioco… mia moglie aveva voglia di risotto, aperto il frigo la desolazione più totale, sembrava un deserto, intravedo un pezzo di guanciale e dei pomodorini e chiedo a mia moglie: e se faccio l’amatriciana?? Ne è uscito un NO secco… ho voglia di risotto! (con quella faccina che mi compra sempre)

In quel momento mi si accese una lampadina: Risotto all’amatriciana, ma visto che in casa non avevo nemmeno vino, perché non farlo con la birra artigianale? E così è nato Riso, Birra e Amatriciana.

A piatto ultimato, la sua espressione mi ha detto tutto… le sue esatte parole sono state: “non ti aspetti questo particolare sapore, rimani sorpresa all’inizio ma poi non riesci a fermarti… c’è tutto: l’acido, l’amaro, il piccante, il dolce, il croccante!!”

Eccovi la Ricetta:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr di riso Carnaroli
  • 1 cipolla
  • 300 gr di pomodori datterini ben maturi
  • 0,5 lt di Birra Artigianale “Rätsel “ di A Tutto Malto
  • 150 gr di guanciale
  • Burro q.b.
  • Parmigiano Reggiano 24 mesi q.b.
  • Pepe nero q.b.

La prima cosa da fare è di mettere sul fuoco una pentola con dell’acqua e portarla ad ebollizione. Quest’acqua sarà usata durante la cottura del riso.

Nel frattempo, laviamo e tagliamo a metà i datterini, peliamo la cipolla e tagliamola grossolanamente.

In una pentola versate il riso e iniziate a tostarlo a secco, una volta tostato (circa 3 minuti) sfumiamo con un bicchiere circa di birra. Subito dopo aggiungiamo i datterini, la cipolla e l’acqua (bollente) necessaria a coprire il riso. Continuiamo quindi la cottura del riso aggiungendo acqua al necessario e mescolando di tanto in tanto, aggiustando di sale mano a mano che continua la cottura. Quando il riso sarà a metà cottura (circa 10 minuti) versiamo la birra rimanente, e portiamo a termine con l’acqua bollente.

Nel frattempo, tagliamo a cubetti il guanciale e rosoliamolo bene in modo da farlo diventare croccante.

A cottura ultimata (lasciando il riso leggermente indietro di cottura), togliamolo dal fuoco e lasciamolo riposare coperto per un paio di minuti, subito dopo mantechiamo con burro, parmigiano grattugiato, pepe nero e guanciale croccante. Mescoliamo, lasciamo riposare un altro minuto e serviamo accompagnato da un’ottima Birra Rätsel 🙂 .

Se volete sapere i trucchi per fare un Risotto a regola d’arte (tostatura, mantecatura) vi consiglio di leggere quest’articolo: Risotto perfetto o Quasi

Provate a farlo e lasciatemi sapere i vostri commenti e dubbi!

Andrea Galuppi
Personal Chef
www.andreagaluppi.com
FacebookTwitter Instagram

Comments

  1. Io amo il risotto e con la birra lo avevo già fatto, non la stessa marca, ma è vero hai anche l’amaro trinco che il vino bianco che di solito si usa non ti offre. Grazie comunque mi conforta, perché quando dicevo che faccio il risotto all’amatriciana, mi guardavano stranamente.

    • A Tutto Malto

      Ciao Roberta, siamo contenti che ci sia qualcun altro che sperimenta con le birre… anche a noi ci guardavano male 😉 Quando sperimenti qualcosa faccelo sapere! Buona giornata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *